InDialogo, numero 110

indialogo_110_copertina

Fai clic sulla copertina per leggere una selezione di articoli del numero 110 di InDialogo.

Cuba riceve papa Francesco – di Frei Betto

 

Papa Francesco sbarcherà nella capitale cubana questo sabato 19/9 alle 16. Domenica mattina celebrerà la messa campale nella Piazza della Rivoluzione e, poi, avrà un incontro con Raúl Castro. Si pervede, nello stesso giorno, visiti Fidel Castro, a casa sua.

A fine pomeriggio, nella cattedrale dell’Havana, dialogherà con il clero e i religiosi, prima dell’incontro con i giovani nel Centro  Félix Varela.

Lunedi, 21/9, Francesco celebrerà una messa campale a Holguín, vicino alla base navale di Guantanamo e, subito dopo, andrà a  Santiago de Cuba, dove si incontrerà con i vescovi del paese. Leggi tutto “Cuba riceve papa Francesco – di Frei Betto”

Finanza speculativa/criminale. Le alternative ci sono! – di Ercole Ongaro

La Rete Radié Resch nel 2014 ha costituito una commissione Finanza per mettere a fuoco l’impatto della finanza speculativa/criminale sulla democrazia, ritenendo che i cambiamenti avvenuti nella  nella finanza nell’ultimo ventennio -il travisamento della sua tradizionale funzione di strumento dell’economia- costituiscano una minaccia alla vita democratica delle società, ai diritti delle persone, dei popoli e della Terra. I Seminari interregionali svolti nel maggio scorso hanno contribuito alla conoscenza dello strapotere della finanza e delle multinazionali nel condizionare o determinare le politiche dei governi, connotandole come politiche autoritarie e di esclusione. La Rete Radié Resch, che ha sempre inteso incidere sulle cause che producono ingiustizia e povertà, ritiene quindi che riflettere sulla tematica delle finanza speculativa/criminale sia importante per affrontare il problema nella sua dimensione strutturale. Leggi tutto “Finanza speculativa/criminale. Le alternative ci sono! – di Ercole Ongaro”

Palestina – L’Intifada degli abbracci

 

Questa mattina, prima di iniziare questa nota, dando una scorsa alle prime pagine di alcuni giornali mi ha colpito un titolo del New York Times: “Un Insegnante ucciso da Palestinesi, Ricordato come Uomo di Pace”. Si parla di una delle vittime di quella che qualcuno ha chiamato l’Intifada dei Coltelli. Ferito gravemente in un attacco a un autobus a Gerusalemme il 13 ottobre scorso, Richard Lakin, un insegnante di 76 anni, è morto pochi giorni fa nell’ospedale dove era ricoverato. Uno dei 10 israeliani che, insieme a oltre 60 palestinesi hanno finora perso la vita in questa Intifada. Leggi tutto “Palestina – L’Intifada degli abbracci”

Racconti di luna – Il patto delle catacombe

(16.11.1965)

Noi, vescovi riuniti nel Concilio Vaticano II, illuminati sulle mancanze della nostra vita di povertà secondo il Vangelo; sollecitati vicendevolmente ad una iniziativa nella quale ognuno di noi vorrebbe evitare la singolarità e la presunzione; in unione con tutti i nostri Fratelli nell’Episcopato, contando soprattutto sulla grazia e la forza di Nostro Signore Gesù Cristo, sulla preghiera dei fedeli e dei sacerdoti della nostre rispettive diocesi; ponendoci col pensiero e la preghiera davanti alla Trinità, alla Chiesa di Cristo e davanti ai sacerdoti e ai fedeli delle nostre diocesi; nell’umiltà e nella coscienza della nostra debolezza, ma anche con tutta la determinazione e tutta la forza di cui Dio vuole farci grazia, ci impegniamo a quanto segue: Leggi tutto “Racconti di luna – Il patto delle catacombe”

Empatia con la storia – di Antonietta Potente

Ci sono dei momenti in cui sembra che la realtà reale fluisca in un corso d’acqua che fuoriesce dalle nostre coordinate quotidiane. E così: da sapienti analisti della realtà o intuitivi profeti dei movimenti della stessa, forse non sappiamo bene cosa fare ma certamente riusciamo a dire su di essa molte, molte cose. La sua complessità non ci trattiene e la sua più che evidente sofferenza, ancora meno. Per di più si aggiungono le notizie dei social, quelle dei giornalisti televisivi fino ad arrivare ai commenti dei parroci durante la celebrazione. La nostra testa diventa uno scrigno in cui si accumulano dati, dunque numeri, parole, immagini, mentre gli spazi si intersecano: quelli più familiari e quelli geograficamente più lontani e diversi dai più conosciuti e quotidiani. Leggi tutto “Empatia con la storia – di Antonietta Potente”

InDialogo 110 – Editoriale 2 – di Erri De Luca

Torino, 19 ottobre.
Dichiarazione fatta in aula prima della sentenza da Erri De Luca.

Sarei presente in quest’aula anche se non fossi io lo scrittore incriminato per istigazione. Aldilà del mio trascurabile caso personale, considero l’imputazione contestata un esperimento, il tentativo di mettere a tacere le parole contrarie. Perciò considero quest’aula un avamposto affacciato sul presente immediato del nostro paese. Svolgo l’attività di scrittore e mi ritengo parte lesa di ogni volontà di censura. Sono incriminato per un articolo del codice penale che risale al 1930 e a quel periodo della storia d’Italia. Considero quell’articolo superato dalla successiva stesura della Costituzione della Repubblica. Sono in quest’aula per sapere se quel testo è in vigore e prevalente o se il capo di accusa avrà potere di sospendere e invalidare l’articolo 21 della Costituzione. Leggi tutto “InDialogo 110 – Editoriale 2 – di Erri De Luca”