Marcia per la Giustizia Agliana – Quarrata

Casa della Solidarietà-Rete Radié Resch di Quarrata (Pistoia)
Libera
Università del Bene Comune
Ass. Monastero del Bene Comune (Verona-Sezano)

ti invitano a partecipare alla
19a Marcia per la Giustizia
Agliana – Quarrata
Sabato 8 settembre 2012
nell’occasione sarà lanciata l’iniziativa nazionale
“Dichiariamo illegale la Povertà”

Saranno presenti:
don Luigi CIOTTI, Gruppo Abele, Libera
Riccardo PETRELLA, Università del Bene Comune
Antonietta POTENTE, suora domenicana, Bolivia
Bruno AMOROSO, economista
Antonello MANGANO, scrittore e fondatore di terrelibere.org
Robin COUTURE, presidente di “Per un Quebec senza Povertà”

Poveri non si nasce, lo si diventa. La povertà è un “prodotto” della società. Piuttosto che di poveri bisogna parlare di impoveriti.  Negli anni ’50-’80 i paesi scandinavi sono riusciti a creare delle società senza poveri, perché lo hanno voluto e perché hanno creduto nell’uguaglianza tra tutti i cittadini rispetto al diritto ad una vita umana dignitosa. Negli Stati Uniti, invece, il numero di impoveriti non ha  cessato di crescere (oggi supera i 50 milioni su 300) perché si tratta di una società fondata sulla disparità “naturale” tra i cittadini anche rispetto ai diritti umani e sociali formalmente riconosciuti.
“Dichiariamo illegale la povertà” significa batterci per mettere fuori legge le cause strutturali che generano ed alimentano i processi d’impoverimento  di interi popoli,  gruppi e categorie  sociali. Fra le cause strutturali ci sono:
·     le disposizioni legislative, come leggi o misure amministrative (nel campo del lavoro, relative alla fiscalità ed alle tasse, riguardo l’accesso ai servizi pubblici di base….)
·     istituzioni locali, nazionali, internazionali, come gli istituti bancari specializzati nelle operazioni finanziarie speculative….
·     le pratiche sociali collettive, come quella di pensare che “i poveri” rischiano di essere potenziali criminali più degli altri
Concretamente significa che in 5-6 paesi pilota del mondo cercheremo nei prossimi cinque anni di mettere fuori legge una o due leggi, una o due istituzioni, una o due pratiche sociali collettive che sono all’orgine dell’impoverimento, perché produttrici di processi di arricchimento ingiusto,  ineguale e predatorio.
L’Italia è il primo paese dove prenderà avvio l’iniziativa nel 2013. 
Il lancio avrà luogo l’8 settembre 2012 in occasione della Marcia per la giustizia Agliana-Quarrata promossa annualmente dalla Rete Radié Resch e Libera e alla quale quest’anno aderiscono anche Università del Bene Comune (Milano – Bruxelles)  e Ass. Monastero del Bene Comune (Verona-Sezano). Partecipa con noi alla marcia!
L’obiettivo di “dichiariamo illegale la povertà” è di ottenere nel 2018, a 70 anni dalla “Dichiarazione Universale di Diritti dell’Uomo”,  l’adozione di una risoluzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che affermi la legittimità della messa fuori legge dei fattori che sono all’origine di una ricchezza ineguale, ingiusta e predatoria e quindi dei processi di impoverimento e di creazione dei poveri.
Le sole battaglie che si perdono sono quelle che non si combattono! Non si puo’ accettare che oggi ci siano 3 miliardi di impoveriti ed accontentarci di “avere la fortuna”, come si dice,  di non essere fra loro.
Per i promotori dell’iniziativa “Dichiariamo illegale la povertà” vedi il sito: www.monasterodelbenecomune.org

Note organizzative:
Ritrovo ore 18,00 ad Agliana, Piazza Gramsci
Arrivo a Quarrata – Piazza Risorgimento ore 21
Per informazioni: Tel. 0573-750539-718591-717179
Email:  rete@rrrquarrata.it

Alle ore 17 è prevista la partenza da Quarrata di un autobus per Agliana al fine di portare i partecipanti che desiderano lasciare la macchina a Quarrata. Al termine della Marcia i bus navetta provvederanno a riportare ad Agliana i partecipanti.

Chi è provvisto di sacco a pelo può essere ospitato presso il Palazzetto dello Sport di Quarrata g.c.

Lascia un commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.