Brucia il ghetto di Campobello di Mazara. Omar è morto, basta ghetti, basta sfruttamento

Non ci sono parole che possono esprimere la rabbia e il dolore per quanto successo stanotte. È morto bruciato vivo mentre dormiva nella sua baracca Omar, un ragazzo di circa trent’anni. Questo è un morto ammazzato dall’incuria e dallo sfruttamento. Domenica 26 settembre durante Magal abbiamo chiesto, ancora una volta come braccianti organizzati nella casa… Continua a leggere Brucia il ghetto di Campobello di Mazara. Omar è morto, basta ghetti, basta sfruttamento

Mi date una mano – di Tonino Perna

Nell’autunno del ’98 quando venne a Badolato, dove il Cric (una Ong molto attiva in quel periodo) aveva realizzato il primo progetto di accoglienza degli immigrati, con la finalità di far rinascere un borgo antico abbandonato, Mimmo – con la semplicità e spontaneità che lo ha sempre contraddistinto – ci disse che voleva fare la… Continua a leggere Mi date una mano – di Tonino Perna

A tutte le ore del giorno e della notte – di Chiara Sasso

La sentenza del Tribunale di Locri – pesanti condanne primo fra tutti i 13 anni e 2 mesi a Domenico Lucano – è un terremoto. Siamo in tanti ad aver paura. Associazione a delinquere, peculato, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: viene descritta una organizzazione ferrea per gestire i progetti in tutto il paese. “Chi lo ha conosciuto… Continua a leggere A tutte le ore del giorno e della notte – di Chiara Sasso

“Bolsonaro è pazzo e corrotto”, dice Lula a La Repubblica

“Abbiamo bisogno di pace, meno odio, serenità, movimento, per investire. Bolsonaro ha distrutto questo paese; dovrebbe essere ricostruito”, ha detto l’ex presidente L’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva ha rilasciato un’importante intervista a La Repubblica, uno dei principali quotidiani italiani, in cui ha parlato della situazione attuale in Brasile e nel mondo e della sua… Continua a leggere “Bolsonaro è pazzo e corrotto”, dice Lula a La Repubblica

Basta parlare di pace, fermiamo le armi, “facciamo” la pace – di Alex Zanotelli

In mille rivoli, ma il movimento c’è. Alziamo la voce e uniamo le iniziative. Il mondo, altro che Covid, riarma per 1.981 miliardi di dollari, l’Italia con 27 miliardi di euro nel 2020 e 30 miliardi quest’anno «La pandemia è ancora in pieno corso, la crisi sociale ed economica è molto pesante, specialmente per i… Continua a leggere Basta parlare di pace, fermiamo le armi, “facciamo” la pace – di Alex Zanotelli

Le armi nucleari: una delle minacce più attuali e gravi per l’umanità

La lotta per porre fine ai test nucleari ha oramai più di sei decenni; già nel 1954, nove anni dopo il test “Trinity” – la prima esplosione nucleare del mondo, condotta ad Alamogordo, New Mexico, Stati Uniti, il 16 luglio 1945 – il primo ministro dell’India, Jawaharlal Nehru, propose e sostenne un accordo per una… Continua a leggere Le armi nucleari: una delle minacce più attuali e gravi per l’umanità

La Terra brucia: le conseguenze di un assetto climatico fuori controllo – di Edoardo Barbarossa

In questi giorni, il caldo torrido ha letteralmente bruciato le Regioni del Sud Italia, mentre allagava quelle del Nord Italia. In entrambi i casi, si evidenzia come l’assetto climatico sia fuori controllo e come la mano umana sia responsabile di ciò che accade. Non si tratta di un fenomeno circoscritto ad alcune Regioni e nemmeno… Continua a leggere La Terra brucia: le conseguenze di un assetto climatico fuori controllo – di Edoardo Barbarossa

La via nuova di papa Francesco – di Giacomo Galeazzi

Senza discostarsi dalla lezione conciliare, Francesco apre nuove vie. Per una “trasformazione della Chiesa”. Ed esortando alla conversione. Intesa come presupposto di qualunque riforma. Secondo il cardinale teologo Gerhard Müller, “Francesco sta perseguendo una spirituale purificazione del tempio. Nello stesso tempo dolorosa e liberatrice. Allo scopo di far risplendere nella Chiesa la gloria di Dio.… Continua a leggere La via nuova di papa Francesco – di Giacomo Galeazzi

Il sogno di Martin Luther King – di Lorenzo Cipolla

Il 28 agosto 1963 il pastore protestante e attivista per i diritti umani Martin Luther King Jr. proferì le celebri parole “I have a dream”. Per l’occasione, In Terris ha intervistato lo storico Carlo Felice Casula Il 28 agosto del 1963, davanti a duecentocinquantamila persone giunte al Lincoln Memorial di Washington per la Marcia per il lavoro e… Continua a leggere Il sogno di Martin Luther King – di Lorenzo Cipolla