Incontro con Riccardo Petrella – “La finanza killer” – Quarrata 16 gennaio

Carissima, carissimo,
dal tracollo finanziario della Lehman Brothers Inc nel 2008, si é cominciato a percepire la capacità destabilizzante della finanza mondiale, in cui la speculazione selvaggia e senza freni ha messo in luce la deriva che l’economia ha preso in questi anni. La visione del denaro come obiettivo finale e non come mezzo, l’assenza di riflessioni etiche nei processi economici ha portato all’elaborazione di un’economia votata unicamente al profitto.
I dati sui miliardari del 2013 pubblicati dall’agenzia Bloomberg e la rivista Forbes, sono eloquenti: le trecento persone più ricche al mondo hanno guadagnato nel 2013: 524 miliardi di $, pari a due volte e mezzo la ricchezza cumulata annuale di 1,2 miliardi di esseri umani  “viventi” con meno di 1,25 $ al giorno.
Questo succede mentre la Borsa di Wall Street é tornata a volare, il 2013 si è chiuso con un’incremento del 30%, anche in Italia non è andata poi male, la Borsa é crescita anche da noi del 16%. Mentre il lavoro decresce, i soldi son tornati a fare i soldi, a scapito di chi?
Di conseguenza, é urgente dichiarare illegale la ricchezza: ingiusta, ineguale e predatrice.
Infine come non ricordare la forza con cui papa Francesco si è espresso sul denaro: Gesù non aveva una Banca! Il denaro se non usato bene, é lo sterco del diavolo!
Per approfondire e comprendere ciò che sta accadendo,
il Comune di Quarrata e la Casa della Solidarietà-Rete Radié Resch di Quarrata invitano a partecipare all’incontro-dibattito che si terrà

giovedì 16 gennaio alle ore 21 a Quarrata,
presso la Sala Consiliare del Comune

che vedrà la presenza di

Riccardo Petrella

economista, fondatore del Club di Lisbona e del Contratto Mondiale dell’Acqua

che parlerà sul tema:

La Finanza Killer

Nell’occasione, l’amministrazione comunale darà lettura della delibera di adesione votata all’unanimità dal Consiglio Comunale su “Dichiariamo Illegale la Povertà”.

Lascia un commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.