Venerdì Santo: Gesù rimane crocifisso nei sofferenti di oggi – di Leonardo Boff

In questo periodo di coronavirus che sta producendo paura e portando morte a molte persone in tutto il mondo, la celebrazione del Venerdì Santo assume un significato speciale. C’è anche qualcuno che ha sofferto e, in mezzo a terribili dolori, è stato crocifisso, Gesù di Nazareth. Sappiamo che tra tutti i malati si instaura un misterioso legame di solidarietà. Il Crocifisso, sebbene l’uomo nuovo e il Cristo cosmico siano stati creati dalla risurrezione, continua, proprio per questo motivo, a soffrire e ad essere crocifisso in solidarietà con tutti i crocifissi della storia. E così sarà oggi fino alla fine dei tempi.

Gesù non è morto perché tutti muoiono. Fu assassinato a seguito di un doppio processo giudiziario, uno da parte dell’autorità politica romana e l’altro dall’autorità religiosa ebraica. Il suo omicidio giudiziario era dovuto al suo messaggio del Regno di Dio che implicava una rivoluzione assoluta in tutte le relazioni, alla nuova immagine di Dio come “Papà” (Abba) pieno di misericordia, alla libertà che predicava e viveva di fronte alle dottrine e alle tradizioni che pesavano sulle spalle della gente, il loro amore incondizionato, specialmente per i poveri e i malati a cui simpatizzavano e guarivano e, infine, per presentarsi come il Figlio di Dio. Questi atteggiamenti hanno rotto con lo status quo politico-religioso dell’epoca. Decisero di eliminarlo.

È morto non solo perché Dio ha scelto così, il che sarebbe in contraddizione con la sua immagine amorevole che ha annunciato. Ciò che Dio voleva, tuttavia, era la sua fedeltà al messaggio del Regno e a Lui, anche se implicava la morte. La morte derivava dalla fedeltà di Gesù a suo Padre e alla sua causa, il Regno, una fedeltà che è uno dei più grandi valori di una persona.

Chi lo ha crocifisso non ha potuto definire il significato di questa condanna. Lo stesso Crocifisso ha definito il suo significato: un’espressione di amore estremo e resa senza riposo per raggiungere la riconciliazione e il perdono per tutti coloro che lo hanno crocifisso e come solidarietà con tutti coloro che sono stati crocifissi nella storia, specialmente quelli che sono innocentemente crocifissi. È la via della liberazione e salvezza umana e divina.

Perché questa morte fosse davvero la morte, come l’ultima solitudine umana, attraversò la tentazione più terribile che chiunque potesse attraversare: la tentazione della disperazione. Ciò deriva dal suo grido sulla croce. Lo scontro ora non è con le autorità che lo hanno condannato. È con tuo padre.

Il Padre ha vissuto con profonda intimità filiale, il Padre che aveva annunciato come misericordioso e pieno della bontà di una Madre, il Padre, il cui progetto, il Regno, che aveva proclamato e anticipato nella sua prassi liberatrice, questo Padre ora, nel momento supremo della croce, sembra averlo abbandonato. Gesù attraversa l’inferno dell’assenza di Dio.

Sono circa le tre del pomeriggio, pochi istanti prima del risultato finale. Gesù grida a gran voce: ” Eloí, Eloí, lemá sabachtani: Mio Dio, Mio Dio, perché mi hai abbandonato” ? Gesù è sull’orlo della disperazione. Dal vuoto più abissale del suo spirito, sorgono domande spaventose che costituiscono la tentazione più terribile, peggiore di quelle tre fatte da Satana nel deserto.

La mia lealtà al Padre era assurda? La lotta sostenuta dal Regno, la grande causa di Dio, insignificante? I rischi che ho preso, le persecuzioni subite, il processo capitale capitale che ho sofferto e la crocifissione di cui sto soffrendo erano vani?

Gesù è nudo, indifeso, totalmente vuoto davanti al Padre che tace. Questo silenzio rivela tutto il suo mistero. Gesù non ha nulla a cui aggrapparsi.

Per criteri umani, ha completamente fallito. La stessa certezza interiore è svanita. Sebbene il terreno scompaia sotto i suoi piedi, continua a fidarsi del Padre. Quindi grida a gran voce: “Mio Dio, mio ​​Dio!” Al culmine della disperazione, Gesù si arrende al Mistero davvero senza nome. Sarà la tua unica speranza e sicurezza. Non ha più alcun supporto in sé, solo in Dio. La speranza assoluta di Gesù è comprensibile solo nell’ipotesi della sua assoluta disperazione.

La grandezza di Gesù era di sopportare e superare questa terribile tentazione. Ma questa tentazione gli diede una totale negazione di sé, una nudità e un vuoto assoluto. Solo in questo modo la morte è veramente completa, nelle parole del Credo, una “discesa negli inferni” dell’esistenza, senza che nessuno possa accompagnarla. D’ora in poi, nessuno sarà solo nella morte. Sarà con noi perché ha sperimentato la solitudine di questo “inferno” del Credo.

Le ultime parole di Gesù mostrano la sua resa, non rassegnata ma libera: “Padre, nelle tue mani commetto il mio spirito” (Lc 23,46). “Tutto è finito” (Gv 19.30)! “E con un forte grido , Gesù è scaduto (Mc 15,37).

Questo totale vuoto è un prerequisito per l’adempimento totale. È venuta per la sua risurrezione. Questa non è la rianimazione di un cadavere, come quella di Lazzaro, ma lo scoppio del nuovo uomo (novissimus Adam: 2Cor 15.45), le cui virtualità latenti sono esplose ed esplose nella piena realizzazione e fioritura.

Ora il Crocifisso è il Risorto, presente in tutte le cose, il Cristo cosmico delle epistole di San Paolo e Teilhard de Chardin. Ma la sua risurrezione non è ancora completa. Mentre i suoi fratelli e sorelle rimangono crocifissi, la pienezza della risurrezione è in corso e ha ancora un futuro. Come insegna San Paolo, “è il primo di molti fratelli e sorelle” (Rm 8,29; 2Cor15,20). Per questo motivo, con la sua presenza del Risorto, accompagna la via della croce del dolore dei suoi fratelli e fratelli , umiliato e offeso.

Viene crocifisso in milioni di persone che soffrono la fame ogni giorno nei bassifondi, in quelli soggetti a condizioni disumane di vita e di lavoro. Crocifisso in coloro che nelle ICU stanno combattendo, senza aria, contro il coronavirus. Crocifisso negli emarginati dei campi e delle città, in quelli discriminati per essere neri, indigeni, qulombolas, poveri e per essere di un’altra opzione sessuale.

Continua a essere crocifisso in quelli perseguitati a causa della sete di giustizia nella parte posteriore del nostro paese, in coloro che svolgono la propria vita in difesa della dignità umana, in particolare delle azioni invisibili. Crocifisso in tutti coloro che combattono, senza successo immediato, contro i sistemi che prendono il sangue degli operai, sperperano la natura e producono profonde ferite sul corpo della Madre Terra. Non ci sono abbastanza stazioni su questo percorso doloroso che possano descrivere tutti i modi in cui la persona crocifissa / risorta continua a essere perseguitata, imprigionata, torturata e condannata.

Ma nessuno di questi è solo. Cammina, soffre e risorge in tutti questi compagni di tribolazione e speranza. Ogni vittoria di giustizia, solidarietà e amore sono beni del Regno che sta già avvenendo nella storia, Regno, di cui saranno i primi eredi.

Lascia un commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.