Continueremo a piantare alberi e lottare per la vita – Collettivo Comunicazione MST di Bahia

Captura de Tela 2020-05-19 às 20.34.35.png

Nell’estremo sud di Bahia la campagna per piantare alberi e l’alimentazione sana continua anche durante la pandemia.
Nel 2019, il MST ha lanciato in tutto il paese la campagna per piantare alberi e un’alimentazione sana, che si propone di piantare 100 milioni di alberi nei prossimi dieci anni.
A Bahia, si stima che nello stesso periodo verranno piantati 10 milioni di alberi.
La campagna continua a pieno ritmo nelle aree degli insediamenti e accampamenti anche in questo periodo di pandemia,
La direzione dell’MST di Bahia ha dichiarato :“dobbiamo seguire le raccomandazioni dell’Organiz-zazione mondiale della sanità (OMS), ma siamo in un isolamento sociale produttivo, producendo alimenti sani e prendendoci cura dell’ambiente, col piantare alberi da frutta e autoctoni, mantenendo viva la nostra resistenza “.

La campagna di piantare alberi si colloca contro le grandi monocolture sparse in tutto lo Stato di Bahia. Queste piantagioni riflettono la concentrazione di terra nelle mani di società multinazionali, comprese quelle che producono eucalipto, una cultura che si è espansa in tutto lo stato.
La Scuola Popolare di Agroecologia e Agroforesta Egídio Brunetto (EPAAEB), situata nella città di Prado, nell’estremo sud di Bahia, si è dedicata a potenziare la campagna nella regione, in collaborazione con movimenti sociali, enti e università, e nella produzione di piantine per lo sviluppo della campagna.
Per Eliane Oliveira, coordinatrice pedagogica di EPAAEB, “questa campagna è molto importante per la nostra bandiera di lotta, che è la Riforma Aagraria e la produzione di cibo sano, soprattutto per noi che viviamo in uno stato in cui l’agrobusiness è predominante ed alcune delle nostre regioni a Bahia sono direttamente colpite dalle compagnie della cellulosa”.
“Mentre le grandi aziende devastano il nostro suolo con l’uso di pesticidi nelle piantagioni, noi, del Movimento senza terra, quando occupiamo la terra, abbiamo un grande impegno nel prenderci cura della Madre Tterra, del nostro suolo. Questo scenario, che è nato nella scuola EPAAEB, viene a rafforzare questo impegno, che l’MST ha sin dalla sua genesi, quello di prendersi cura della terra”
Monocultura di eucalipto
Avendo condizioni favorevoli per lo sviluppo della cultura dell’eucalipto, l’estremo sud di Bahia ha attratto, negli ultimi tre decenni, le grandi aziende che hanno visto qui l’opportunità di coltivare e beneficiare di questa materia prima essenziale nella produzione di carta e cellulosa.
Con l’arrivo di queste aziende, ci sono state molte trasformazioni nel paesaggio rurale, che hanno influenzato la struttura della vita urbana delle comunità qui situate, con un impatto diretto sulla biodiversità, sull’ambiente e sull’intero ecosistema.
Anche dopo così tanto tempo, la cultura di questo albero provoca nella regione ancora molte discussioni sui suoi effetti sull’organizzazione degli spazi, sul generare lavoro e reddito, nonché sullo spazio naturale.
Come altri prodotti che hanno beneficiato della regione, l’eucalipto è il risultato della trasforma-zione di spazi aperti allo sviluppo, ampiamente appoggiata dal 1974 dal governo brasiliano.
Nel 2001, l’estremo sud di Bahia era al 3 ° posto nelle esportazioni di pasta di cellulosa dello Stato.
Monocoltura dell’allevamento di bestiame
A metà degli anni ’60, con l’avanzamento della deforestazione per la costruzione di ferrovie e autostrade (BR), lo stato acquisì un grande potenziale per l’allevamento.
Attualmente, Bahia ha 10 milioni di capi di bestiame e la maggior parte di essi è concentrata nell’estremo sud di Bahia.
Nel 1998 è stato istituito il programma Novilho Precoce, che si occupa del macello degli animali più giovani.
Felipe Peixoto, un ingegnere agronomo che lavora con il collettivo produttivo EPAAEB nello sviluppo del nuovo sistema agroforestale (SAF), ha affermato che è in questo scenario che nasce la Scuola Popolare. “L’estremo sud e l’insediamento in cui si trova l’EPAAEB hanno sofferto da anni per l’allevamento del bestiame, per la compattazione del suolo e la mancanza di responsabilità verso la natura. La campagna assume qui l’atto rivoluzionario di recuperare il bioma esistente”.
Secondo Peixoto, anche durante la pandemia, sono già state distribuite migliaia di piantine alle famiglie accampate e insediate.
“La campagna continua a pieno ritmo. Copre anche il tema dell’alimentazione sana, e in questi tempi di pandemia ci stiamo anche concentrando sulla produzione alimentare, necessaria vista la congiuntura ”, ha concluso Peixoto.

Lascia un commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.