Bolivia: perché adesso a sinistra tacciono? – di Itzamná Ollantay 

Chiquitanía-arde.jpg

La Bottega del Barbieri, 7 Ottobre 2020
Il duro atto d’accusa di Itzamná Ollantay – nei confronti di indianisti, indigenisti, ambientalisti e femministe, di coloro insomma che, da sinistra, criticavano Evo Morales quando era a Palacio Quemado, senza peraltro preferire i golpisti (come è ovvio) – farà sicuramente discutere. A pochi giorni dalle presidenziali che, ci auguriamo, possano sancire la vittoria di Luis Arce e del Mas, il dibattito è aperto.

di Itzamná Ollantay (*)

A quasi un anno dalla conclusione del colpo di stato e dall’istituzione del letale regime dittatoriale in Bolivia, continuiamo a chiederci dove sono i prolissi Indianisti, indigenisti, femministe, ambientalisti… che si sono scagliati duramente contro il dittatore indiano di Evo Morales?

I loro discorsi incendiari hanno sostenuto / promosso il colpo di stato del 10 novembre. Ma, una volta che il “presidente indiano” è stato “defenestrato”, e Jeanine Áñez ha assunto di fatto il potere, per volontà del governo degli Stati Uniti, gli Indianisti, gli indigenisti, gli ambientalisti e molte femministe, hanno mantenuto e mantengono un silenzio sepolcrale complice.

Hanno molestato nelle strade e nelle reti socio-digitali Evo Morales per la morte di uccelli negli incendi di Chiquitania (che Morales ha spento in modo esemplare), ma hanno negato l’esistenza del colpo di stato. Non hanno detto nulla sui due massacri di popolazioni indigene che resistevano al governo “di fatto”. Tanto meno, di fronte alla persecuzione / criminalizzazione / incarcerazione di difensori indigeni. L’Amazzonia boliviana continua a bruciare e gli aerei della droga decollano persino dagli aeroporti statali, ma Solón, Cusicanqui, Portogallo, Zibechi, Gutiérrez … e l’esercito di dirigenti di ong tacciono mortalmente. Perché?

La dittatura boliviana ha reso il paese una presa in giro. La Bolivia, ora, nella comunità internazionale è sinonimo di corruzione, narco-stato, improvvisazione, indebitamento, nepotismo, razzismo … Ma, da nessuna parte appaiono Indianisti, indigenisti, ambientalisti, moralisti … chiamare a “guardia sicura” il mostro politico che direttamente o indirettamente hanno inventato.

Le femministe per i movimenti indigeni erano a disagio con i micromachismi di Evo Morales. Ecco perché l’hanno reso la materializzazione del patriarcato in Bolivia, e l’hanno sopraffatto senza pietà. Ma il machismo di Camacho – Añez – Murillo e delle sciabole militari erano e sono troppo letali anche per loro. Perché tacciono adesso?

Gli Indianisti erano molto offesi dal fatto che i quadri dirigenti del governo Morales “monopolizzassero” la narrativa Indianista, lasciandoli orfani della parola, o almeno del pubblico. Ecco perché si sono scagliati duramente contro Morales definendolo un “pachamamista”, un “falso indigeno” dittatore … Ma il colpo di stato e il governo di fatto hanno mostrato loro cosa siano una dittatura e un governo etnofagico. Ora, gli Indianisti sono chiamati “bestie umane” “selvaggi”, dalle istituzioni statali. Perché sopportano così tanto oltraggio in silenzio?

Gli indigenisti, specialmente quelli con sede nelle ONG, hanno trovato difficile vedere che il presidente indiano, attraverso le politiche pubbliche, ha portato milioni di boliviani fuori dalla situazione di impoverimento nella nuova classe media. Ciò li ha colpiti perché in questo modo il paese ha cessato di essere una priorità della cooperazione finanziaria internazionale. L’indigenismo sussiste nella misura in cui ci sono sacche di folkloristi indigeni in povertà…. Ma, con la pandemia, il flusso di cooperazione finanziaria si è interrotto. Perché tacciono, adesso, in tempi di carestia?

Gli ambientalisti erano estremamente arrabbiati per il fatto che Morales si fosse rifiutato di dichiarare una “emergenza nazionale” di fronte agli incendi di Chiquitanía. Questa dichiarazione ha consentito loro di accedere alla cooperazione internazionale di emergenza. Ma Morales ha scelto di spegnere il fuoco da solo. Questo settore era già infastidito da García Linera, che con le sue dichiarazioni aveva “maltrattato” le ONG ambientali … Durante il governo di fatto gli incendi boschivi continuarono, i semi transgenici acquisirono una carta di cittadinanza … Ma, Fundación Solón, Fundación Jubileo, Lidema … tutte tranquillo Perché? Potrebbe essere perché le briciole che l’USAID ora distribuisce loro rassicura la loro fame?

Forse è la loro colpa che li costringe all’attuale silenzio mortale. Forse è la paura del bullismo che li limita nel commentare quello che hanno generato. Chissà.

L’unica cosa certa è che noi, gli indigeni, i contadini, le donne, i giovani, soprattutto i sopravvissuti ai massacri e alle prigioni, non dimenticheremo i danni che hanno inflitto ai popoli. E il rifiuto contro di loro e contro i loro capi non finirà il 18 ottobre.

(*) Articolo originale in spagnolo:

Bolivia, ¿ahora, por qué callan tus indianistas, indigenistas, ambientalistas, feministas…?


Traduzione a cura di Gianni Hochkofler

Lascia un commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.